Non è possibile effettuare un nuovo ordine dal tuo Paese. United States

Le certificazioni più ricorrenti nei nostri prodotti

Le certificazioni più ricorrenti nei nostri prodotti

Tutte le aziende che svolgono attività di preparazione, commercializzazione ed importazione di “prodotti agricoli biologici” sono sottoposte ad un rigido processo di verifica al quale devono risultare conformi, culminante con il rilascio del logo biologico. Il regolamento CE 834 del 2007 affida tale delicato compito ad appositi Enti di certificazione accreditati dal Ministero delle Politiche Agricole e Forestali (MIPAF). Essi sottopongono le aziende bio a controlli periodici duranti i quali prelevano campioni di prodotto per l’effettuazione successiva di esami analitici di laboratorio. Il sistema alimentare biologico è l’unico controllato garantito che può definirsi “sicuro”. Infatti tutta la filiera (dal seme al piatto) è certificata da uno degli Enti di certificazione italiani o da quelli europei che, per il principio di reciprocità, valgono anche in Italia. Dunque un alimento con più ingredienti ha una certificazione per ogni ingrediente e quando non si usa un ingrediente biologico lo si deve specificare in etichetta. Di seguito ti indichiamo le principali certificazioni dei prodotti alimentari biologici:

Logo biologico UE

Logo biologico UE (ente di certificazione: Commissione Europea): con esso si garantisce ai consumatori che almeno il 95% degli ingredienti dei prodotti su cui è apposto è biologico e che il prodotto finito è conforme alle regole di controllo e certificazione di ogni Stato membro.

Ente di Certificazione Francese per l'Agricoltura Biologica

Logo AB (ente di certificazione: Agence Française pour le Développement et la Promotion de l’Agriculture Biologique - Francia): marchio francese che identifica i prodotti alimentari biologici contenenti almeno il 95% di ingredienti biologici di origine agricola.

Ente di Certificazione Francese Ecocert

Logo ECOCERT, il cui ente di certificazione è ECOCERT (Organisme de Contrôle & de Certification au Service de l’Homme et de l’Environnement - Francia), uno dei più grandi organismi di controllo e certificazione al mondo, nato in Francia, ma operante in tutta Europa. In Italia ECOCERT ha sede a Catania ed ha il compito di supervisionare l’intera filiera agroalimentare relativa alla produzione di prodotti biologici.

Etichetta Biologica Tedesca Bio Siegel

Logo Bio Siegel (etichetta biologica tedesca): è il logo nazionale con cui la Germania contraddistingue le produzioni biologiche, ovvero i prodotti che contengono almeno il 95% di ingredienti di origine agricola provenienti da agricoltura biologica.

Ente di Certificazione Demeter

Logo Demeter (ente di certificazione: Demeter Associazione Italia): è il logo dell’associazione italiana che promuove e tutela i prodotti dell’agricoltura “biodinamica”. Con il metodo biodinamico la concimazione, la coltivazione e l’allevamento avvengono rispettando la fertilità del terreno e la dignità degli animali, con mezzi del tutto naturali e senza l’uso di fertilizzanti sintetici, pesticidi chimici e antibiotici.

Istituto per la Certificazione Etica ed Ambientale

Logo ICEA (ente di certificazione: Istituto di Certificazione Etica e Ambientale (ICEA) - Italia): certificazione italiana della filiera “dalla terra alla tavola”, che assicura la rintracciabilità delle materie prime e del prodotto finito, garantendo la qualità dei prodotti e la tutela del consumatore.

Ente di Certificazione BioAgricert

Logo BioAgriCert, il cui ente di certificazione è BioAgriCert S.r.l., organismo italiano di controllo e certificazione della sicurezza e della qualità dei prodotti alimentari biologici dal 1984.

 

Così come le certificazioni dei prodotti alimentari biologici anche le certificazioni della “bio cosmesi” offrono al consumatore la garanzia che i prodotti di bellezza sono ottenuti utilizzando materie prime provenienti da agricoltura biologica o da raccolta spontanea, nel rispetto di una lista di sostanze vietate e senza l’impiego di OGM (organismi geneticamente modificati). Qualora nel cosmetico vi siano “sostanze non vegetali”, è necessario che le stesse siano qualificate come “non a rischio per la salute”. Ma la certificazione bio influisce anche sul packaging del prodotto: le confezioni dei cosmetici bio infatti provengono per lo più da materie prime rinnovabili e materiali riciclati e riciclabili, nell’ottica di ridurre l’impatto ambientale.

Ecco alcune delle principali certificazioni della cosmesi bio:

Eco Bio Cosmesi Icea

Logo Eco Bio Cosmesi ICEA (ente di certificazione: Istituto di Certificazione Etica e Ambientale (ICEA) - Italia): assicura cosmetici sani e naturali, fatti con ingredienti puri e dermocompatibili, utilizzando flaconi pratici ed ecologici. ICEA è garanzia di prodotti di bellezza privi di sostanze chimiche dannose per l’uomo, l’ambiente e gli animali.

Ente di Certificazione NaTrue

Logo NaTrue, il cui ente di certificazione è l'International Natural and Organic Cosmetics Association (Belgio), associazione internazionale senza scopo di lucro fondata nel 2007 a Bruxelles, con lo scopo di garantire l’origine naturale e biologica dei cosmetici i cui componenti devono provenire per almeno il 70% (se cosmetici naturali) o il 95% (se cosmetici biologici) da agricoltura biologica o da raccolta spontanea certificata. Grande attenzione viene prestata anche ai contenitori dei prodotti cosmetici, fatti con materiali riciclabili, per ridurre il più possibile l’impatto ambientale del packaging.

Ente di Certificazione Tedesco BDIH

Logo BDIH, il cui ente di certificazione è Bundesverband Deutscher Industrie-und Handelsunternehmen für Arzneimittel, Reformwaren, Nahrungsergänzungsmittel undKörperpflegemittel, trad. Associazione Federale dell'Industria Tedesca e del Commercio di Prodotti Farmaceutici, Prodotti per la Salute, Integratori Alimentari e per la Cura Personale), ovvero un'associazione di imprese industriali e commerciali per prodotti cosmetici e farmaceutici nata in Germania nel 1951. BDIH rilascia il proprio marchio di “cosmetica naturale controllata” solo nel caso di prodotti composti da materie prime vegetali, derivanti da coltivazione biologica controllata o da raccolta selvatica. Di grande importanza, inoltre, è l’uso di confezioni riciclabili, nel massimo rispetto della natura che ci circonda.

Ente di Certificazione Francese Ecocert

Logo ECOCERT, il cui ente di certificazione è ECOCERT (Organisme de Contrôle & de Certification au Service de l’Homme et de l’Environnement - Francia), organismo di controllo e certificazione di alimenti e cosmetici bio nato in Francia nel 1991. Il marchio ECOCERT assicura che il cosmetico contiene almeno il 95% degli ingredienti di origine naturale e biologica. Vietato è invece l’uso di profumi e conservanti sintetici, prodotti petroliferi e siliconi, oltre che di materie prime testate su animali.

Bio Eco Cosmesi AIAB

Logo BioEcoCosmesi AIAB (ente di certificazione: Associazione Italiana per l’Agricoltura Biologica (AIAB) - Italia): marchio italiano di riconoscimento della cosmesi biologica priva di OGM e di materie prime non vegetali dannose per la salute dell’uomo e caratterizzata solo da ingredienti provenienti da agricoltura biologica controllata. AIAB inoltre è contro la sperimentazione dei cosmetici sugli animali e promuove materiali da imballaggio ecosostenibili.

Ente di Certificazione Inglese Soil of Association

Logo della Soil Association, principale organizzazione di certificazione delle produzioni biologiche del Regno Unito. Dal 2002 Soil Association certifica anche specifici prodotti di bellezza privi di ingredienti di origine animale (“cruelty free”) e non testati su animali, senza derivati del petrolio, OGM, SLS, SLES e realizzati solo con ingredienti biologici.

Ente di Certificazione Cosmebio

Logo COSMEBIO, il cui ente di certificazione è l'Association Professionelle de Cosmétique Ecologique et Biologique (Francia), associazione professionale francese della cosmetica naturale, ecologica e biologica, che attesta l’idoneità di un prodotto di bellezza solo se il 95% degli ingredienti di cui è costituito è di origine naturale e proviene da agricoltura biologica. COSMEBIO garantisce cosmetici tracciabili, senza derivati del petrolio, fragranze di sintesi e OGM, ottenuti senza l’ausilio dei test sugli animali.

Ente di Certificazione CCPB

Logo del Consorzio per il Controllo dei Prodotti Biologici (CCPB), organismo italiano di certificazione e controllo dei prodotti agroalimentari e cosmetici biologici. Per essere bio il cosmetico deve contenere almeno il 95% di ingredienti biologici e non può essere prodotto con derivati del petrolio, paraffine, formaldeide e coloranti sintetici, tutti sostituiti da derivati vegetali.

Le aziende produttrici di alimenti e cosmetici “vegani” riportano sistematicamente sui loro prodotti tali loghi:

Ente di Certificazione VEGAN OK

Logo VeganOK, prima certificazione etica per prodotti vegan nata in Italia, la quale propugna il rispetto della vita di ogni essere vivente, attraverso l’assenza di ingredienti o componenti di origine animale e la mancata sperimentazione dei prodotti sugli animali stessi.

E sugli stessi principi si basano anche i prodotti contrassegnati dai loghi che seguono:

Ente di Certificazione Vegan Society

Ente di certificazione: The Vegan Society.

Consorzio di Certificazione dei Prodotti Biologici

Ente di certificazione: Consorzio per il Controllo dei Prodotti Biologici (CCPB).

Ente di Certificazione Vegan Action

Ente di certificazione: Vegan Action.

L’assenza di sperimentazione dei cosmetici sugli animali, invece, è in genere contrassegnata da tali simboli:

Certificazione Cruelty Free and Vegan

Logo Cruelty Free And Vegan, il cui ente di certificazione è PeTA (People for the Ethical Treatment of Animals).

Certificazione Cruelty Free

Logo Cruelty Free, anch'esso certificato da PeTA.

Ente di Certificazione Choose Cruelty Free

Logo Not Tested On Animals, il cui ente di certificazione è Choose Cruelty Free (CCF).

Ente di Certificazione Leaping Bunny

Logo Leaping Bunny, il cui ente di certificazione è CCIC, Coalition for Consumer Information on Cosmetics.


Dott.ssa Patrizia Caputi

Categorie

Tags